Perché e come le matrici?

Roberta Rigo

Perché le matrici

 

Nella prospettiva della riforma, le matrici risultano come strumenti utili per “accompagnare” lo sviluppo della competenza.

 

Un modello di sviluppo della competenza deve dare la possibilità

  • sia di interpretare i processi di crescita, con la valutazione,
  • sia di rilevare i risultati conseguiti, con la certificazione. (Tessaro, 2011)

 

La costruzione di una matrice non è operazione banale; mette in gioco, invece, tutto un sistema ed un’ottica di progettazione e di valutazione.

 

“Cambiare la didattica”

 

Per mobilitare, valutare, certificare competenze, occorre

  • ripensare il sistema di insegnamento/apprendimento
  • rendere l’allievo attore protagonista del suo percorso formativo

 

 

Anche la didattica, specularmente, deve cambiare, ponendo al centro del lavoro in classe gli studenti, rendendoli operativi, riflessivi, collaborativi, coinvolti nella valutazione del loro apprendimento.

Costruire compiti di realtà

 

 

Occorre che l’insegnante sappia costruire e proporre compiti di prestazione dai quali emerga con evidenza la profondità dell’apprendimento raggiunta dallo studente.

Condividere i criteri di valutazione

 

La stessa matrice è frutto di condivisione tra docente e allievi, nel senso che durante le attività di sviluppo delle competenze, parallelamente alle tappe esercitative, vengono discussi, concordati, applicati, messi alla prova gli indicatori dell’apprendimento.

L’allievo conosce quindi in anticipo i criteri di osservazione e di valutazione del suo apprendimento; sicuramente prima di qualsiasi compito di prestazione.

 

Questo gli permette anche di controllare se agisce correttamente nell’abilità richiesta dal compito, di comprendere lo sviluppo del suo apprendimento, oltre che di essere in grado di valutarsi.

 

È un momento altamente formativo; vediamone i passi.

...

 

 

 

Laboratorio RED

(Ricerca Educativa e Didattica)

Università Ca' Foscari di Venezia
Università Ca' Foscari di Venezia

 

.

 

Documenti istituzionali

...  ...

Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee 2007
Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee 2007

Archivio